Gli ignoranti, oltre che razzisti, siamo sempre noialtri.

Perché dobbiamo sentirci ripetere le solite cose sull’islam? Siamo davvero noialtri kuffar che fraintendiamo il divino messaggio di Allah? Perché ogniqualvolta ci permettiamo di criticare l’islam veniamo tacciati di razzismo? Questa volta lo spunto è preso dai commenti di due mussulmani ad un articolo pubblicato su ImolaOggi. Non potendo postare direttamente su quel sito per l’ampiezza del commento, m’è venuta in mente la bella idea di postarlo su facebook. La cosa a me è costata 7 giorni di blocco dell’account e una simile punizione è toccata a chi ha avuto l’idea di copiare e linkare il mio pezzo.

Il vero problema è che ci sono mussulmani che non riescono ad accettare il fatto che l’islam sia un’ideologia ferocemente oppressiva come poche altre al mondo. I mussulmani hanno questo tipo di rifiuto della realtà e se ne costruiscono a volte un’altra a loro uso e consumo. Non voglio star qui a perdere tempo su che cosa siano i sistemi di difesa psicologica a cui certe persone fanno ricorso per difendersi dalla durezza del mondo reale che le ferisce, però questo è quello che abbiamo davanti agli occhi. È anche inutile sia tentare di fare una specie di seduta psicanalitica con chi vive nella negazione con ostinazione, che perdere tempo con persone indottrinate cui è stato imposto per secoli di pensare alla rovescia.

È abbastanza difficile ammettere che una bugia colossale e per di piú cosí nefasta e violenta abbia tenuti soggiogati popoli interi per oltre un millennio. E si capisce anche che si senta il bisogno di dare un’interpretazione piú civile dell’islam per mascherare una situazione cosí tragica. Peccato che la brutalità non si riesca tanto bene a far passare per civiltà, soprattutto quando la quasi totalità dei gruppi terroristici in azione oggigiorno su questo pianeta sono islamici. A me non pare che esistano due Corani, uno della pace e uno della guerra, per cui se ci sono (e ci sono) gruppi terroristici armati che compiono stragi nel nome di Allah, evidentemente è perché l’islam si presta bene allo scopo.

In rosso quei paesi che hanno subito attacchi terroristici islamici fra l’11 settembre 2001 e il maggio del 2008.

L’islam non ha niente a che fare con la pace. Prova ne è l’Iraq di oggi, un paese dove sciiti e sunniti si massacrano dai tempi di Ali, con l’unico breve intervallo della dittatura nazionalsocialista del partito Ba’ath di Saddam. Al rais di Baghdad, da esperto autocrate mussulmano, era perfettamente chiaro che in un paese composito, ma islamico, come il suo ed erede di un passato storico problematico, l’unico modo per ottenere la pace era quello di tener tutti quanti schiacciati sotto lo stesso pugno di ferro. L’uguaglianza imposta ai cittadini puntando loro un coltello alla gola era un metodo che funzionava a meraviglia. Negare questa situazione, che si è ripetuta in quasi tutti i paesi islamici governati da militari o dittatori, significa non avere neppure le conoscenze di base della storia dell’islam oppure significa cercare di prendere in giro i propri interlocutori raccontando balle enormi e pietose.

Ora veniamo in breve alla dottrina islamica. Se ci sono quattro versi apparentemente ispirati al pacificismo nel Corano, ce ne saranno almeno un’altra ventina che li contraddicono e che istigano alla violenza senza mezzi termini. Tanto per dirne una, è l’islam che promette vergini, sesso e bagordi in paradiso ai mujahid, mica il jainismo.

Penso che ormai sappiamo tutti che i mussulmani usano nei loro discorsi certi versi o certi altri a seconda della convenienza. Ma prendiamo per esempio il verso 2:217 dove c’è scritto “wa-al-fitnatu akbaru mina al-qatli“. Per quante possano essere le traduzioni che falsificano il senso del verso, in realtà “fitna” è l’antonimo di “islam”, per cui quella frase vuol dire che chi non accetta la sottomissione a Muhammad e ad Allah può essere ucciso perché ribellarsi all’islam è peggio che uccidere. Il fatto che sia cosí è testimoniato da certe tradizioni su come venivano combattuti gli infedeli tramite “da’wa”: li si “invitava” alla conversione e se non accettavano venivano attaccati. Questo lo faceva anche Maometto in persona.

Quando i mussulmani la smetteranno di riscrivere la storia per convincerci di cose che non esistono, che sono contraddette dai loro stessi testi e dalla storia islamica e la pianteranno di credere di essere gli unici ad essere nel giusto, ne guadagneremo qualcosa di buono tutti quanti.

[Voglio precedere evetuali interventi sui problemi di contestualizzazione, cosí da risparmiarmi la noia di rispondere a patetiche difese dell’indifendibile. Il Corano è un testo senza contesto. Non lo dico io, ma islamologi rispettabili. Sostenere, perciò, che un verso è male interpretato, perché estrapolato dal suo contesto, non ha alcun senso. Soprattutto se un argomento all’interno di una sura difficilmente viene trattato per piú di 5 versi consecutivi. In piú, la versificazione del Corano non esiste nei manoscritti piú antichi, per cui neanche i singoli versi possono essere considerati un contesto, dato che la suddivisione del testo è arbitraria (e talvolta anche erratica)].

Annunci

  1. Per la pubblicazione e la condivisione pubblica di questa breve risposta alla solita propaganda pacifinta islamica molti utenti sono stati bannati da facebook, incluso l’autore che l’aveva postata nel profilo con accesso ristretto.

    Alla faccia della libertà di parola garantita dal Primo Emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti che garantisce libertà di parola anche quando ci si avvale della stessa in forma anonima! Il Primo Emendamento vieta anche di promulgare leggi a favore di qualsiasi religione. Ma evidentemente le grandi corporations se ne possono fregare tanto della legge, quanto dei diritti degli individui e in questo sono in linea col teonazismo islamico. Vergogna!

    • In italia penso che nessuno abbia ancora ben capito la pericolosità dell’ islam e di tutto quanto gravita attorno a questa gente col cervello ristretto ed indottrinato dalle scuole coraniche. Mentono, calpestano, insultano e disperezzano tutto quanto non sia di matrice islamica. Io posso solo sperare che questa pagina e, nella fattispecie, questa lettera siano letti ed offrano un attento spunto di riflessione per tutti coloro che ignorano o fingono di ignorare il problema PRIMA che diventi diventi irreversibile.

  2. Anche questa volta i nostri “fratelli” musulmani si sono dimostrati vigliacchi e si sono comportati in ambito virtuale esattamente come fanno nella vita reale, cioè colpendo in massa, di nascosto ed alle spalle, nella maniera più subdola possibile e senza dare al loro obbiettivo il tempo di difendersi. E’ nella loro “cultura” comportarsi così, lo fanno ormai da secoli. Peccato per loro però. Perché noi abbiamo un arma vincente in mano molto più potente, che si riassume in 2 caratteristiche basilari che a loro mancano del tutto: intelligenza e cultura.

  3. sarebbe bello leggere altri commenti però! Non abbiate paura caspita… anche un semplice “ciao” di solidarietà può far capire che c’è ancora gente che usa il cervello!

  4. Siete un branco di ignoranti, delle bestie, allah vi punirà nel giorno del giudizio e brucierate tuti allo inferno. allah è lucie e spienza infinita!!!!!!!!!!!

    • che commento intelligente Shady! Questo è quello che voi definite tolleranza? E’ quello che chiamate una discussione civile? E’ quello che definite un dibattito aperto e civile? Siete bravi solo ad insultare ed a nascondervi dietro le maledizioni del vostro finto profeta. Complimenti alla tua infinita cultura.

    • Spienza infinita? sono favorevole! io adoro la spienza ( per chi non lo sapesse e’ un piatto tipico veneziano a base di milza ) soprattutto con un buon rosso….

  5. COLORO CHE OFFENDONO ALLAH E I MUSULMANI
    Sura Al-Ahzâb (I Coalizzati) V. 57, 58: Coloro che offendono Allah e il Suo Messaggero sono maledetti da Allah in questa vita e nell’altra: [Allah] ha preparato per loro un castigo avvilente. E quelli che ingiustamente offendono i credenti e le credenti si fan carico di calunnia e di evidente peccato.

    • Si certo Abou! Come no! Continua a credere a queste cose da medioevo che andrai molto lontano. Siamo nel 2012!!!!!!!!!!!

  6. Bravissimo Wrongdoers!!!!
    Finalmente li stiamo aprendo gli occhi e forse la finiremo di fare i buonisti a tutti i costi! Il Politically Correct ormai sta perdendo il suo fascino e gli abbracci alla “Vendola” ci suscitano solo grasse risate! Siamo disillusi e stanchi, non ne possiamo più. Non è possibile l’integrazione con chi per primo non vuole integrarsi con noi, perché ci ritiene impuri e inferiori! Noi siamo solo “infedeli” per loro, ma loro arroganti maleducati e incivili, pretendono di fare come vogliono in casa altrui e questa sarebbe la loro grande cultura? Fuori tutti gli islamici dall’Europa, li abbiamo sopportati anche troppo a lungo!

  7. Dopo aver letto un paio di commenti del tutto fuori luogo, sono fermamente più convinto che l’ignoranza ha come madre l’islam e purtroppo la madre dell’islam è sempre incinta. Ma rendiamoci conto, per i mussulmani già il medioevo è sinonimo di progresso, non riescono ad avere un dialogo completo senza offendere, difendono a spada tratta quello che non può essere difeso, non sono per niente oggettivi e voglio SOTTOLINEARE la differenza tra ISLAMOFOBIA (termine con cui ci accusano i muslin, in sostanza per loro siamo razzisti) e ANTISLAMISMO:
    Spesso il termine islamofobia è confusa con l’antislamismo, cioè l’opposizione alle dottrine e pratiche politiche che mirano alla creazione di uno stato che trovi nella religione islamica i principi guida per regolarne la sfera economica, politica e sociale, oltre che religiosa (islamismo).
    In sostanza noi cerchiamo di mantenere “intatte” le nostre origini, cosa che crea un enorme fastidio a chi ha come dottrina l’islam.

  8. Dimenticavo……saper riconoscere gli sbagli della propria cultura non è un comportamento islamico, io personalmente e naturalmente la stragrande maggioranza dei cristiani riconosce il fatto che la chiesa ha fatto, fa e farà errori, anche gravi, l’essere oggettivi è un dono che non appartiene alla fede islamica, “loro” si ritengono i migliori ed hanno tutto il diritto di calpestarci (noi peccatori ed infedeli)……si si……si vedrà……

I commenti sono chiusi.