Perché i cristiani sono miscredenti.

Gia 2:19 Σὺ πιστεύεις ὅτι ὁ Θεός εἷς ἐστι· καλῶς ποιεῖς· καὶ τὰ δαιμόνια πιστεύουσι καὶ φρίσσουσι.*

Caro amico,

Qualche giorno fa hai chiesto ad un gruppo di mussulmani, fra i quali alcuni convertiti, di spiegarti perché i cristiani vengono considerati “miscredenti” dai mussulmani. Purtroppo per te, ma te lo dovevi aspettare, hai ricevuto solamente risposte da parte di persone che ti hanno rifilato la solite stupidaggini da catechismo. I mussulmani, in genere, non sono persone in grado di elaborare un pensiero autonomo di una certa complessità: sono persone indottrinate e piú lo sono, piú son considerate persone pie dai loro confratelli e consorelle. Infatti, ti hanno risposto per mezzo di citazioni e frasi preconfezionate per suscitare, innanzitutto, l’ammirazione dei loro compagni di culto.

Nel mondo islamico, un bambino che impara a memoria qualche sura coranica è considerato un genio. Quindi, non ti devi aspettare discorsi filosofici o teologici raffinati da parte di certi mussulmani, semplicemente perché questi sono in genere molto al di sopra delle loro possibilità. In piú, la speculazione filosofica è malvista nell’islam. Devi infatti sapere che il dio di Muhammad, Allah, è un dio assolutamente trascendente ed inconoscibile, oltre ad essere assolutamente libero di premiare e punire a prescindere da qualunque criterio di giustizia. Di conseguenza, la speculazione teologica e filosofica non può aggiungere nulla alla loro comprensione della divinità, perché innanzitutto essi non la comprendono affatto: le si sottomettono e basta. Ai devoti mussulmani basta il Corano e l’esempio dato dal loro profeta per credersi pii. Una delle ragioni per le quali vogliono riportare il mondo indietro di oltre un millennio è quella di diffondere i santi custumi dei predoni del deserto fra di noi, perché in tal modo ha vissuto quel santo di Muhammad dal momento in cui fu obbligato a scappare a Medina. Muhammad, infatti, fu costretto alla fuga dai suoi concittadini e parenti meccani perché non sopportavano piú le sue malefatte. Da fuggiasco, il profeta dell’islam creò una religione attingendo dallo stile di vita e della cultura dei predoni del deserto: un modello vincente che, per merito della sua brutalità e violenza,  distrusse la civiltà araba preislamica in modo totale e sistematico. Noi siamo tacciati di razzismo ed ignoranza quando proferiamo parole poco meno che lusinghiere per il tipo di cultura e tradizioni, che includono il genocidio, canonizzate da Muhammad.  Secondo l’opinione di alcuni, dovremmo anche riconoscere che quella cultura tribale beduina presistorica e violenta altro non sarebbe che la vera matrice della scienza e della cultura occidentali. Una tesi del genere è sostenuta anche da alcuni convertiti italiani che han messo in piedi associazioni per la diffusione dell’islam in Italia. Te l’immagini? Uno stile di vita ed un culto dedicati all’adorazione cieca e prona di una divinità che si rivela tramite un profeta, il quale, in seguito a crisi epilettiche e allucinazioni di vario tipo, comanda ai suoi lacchè di razziare, stuprare, schiavizzare ed uccidere per guadagnarsi vino e sesso in paradiso. In pratica, dovremmo riconoscere che la criminalità organizzata, quando si impone su diversi popoli, costituisce un esempio di civiltà.

Ai mussulmani piace moltissimo citare: è a seconda del numero di citazioni che fanno a memoria da piú fonti sacre (Corano e hadith in primis) che vengono ritenute persone dotte. Avrai notato come ti abbiano rifilato i soliti versetti coranici, indipendentemente dal fatto che per te, come per ogni altro non mussulmano su questo pianeta, il Corano non significhi nulla. Ma a loro proprio non entra nella zucca il fatto che il Corano non sia la prova finale della giustezza di ciò in cui credono e che, caso mai, è proprio la giustezza di ciò che sta scritto nel Corano ciò che deve essere comprovato. Disgraziatamente, però, a quel tipo di persone riesce di fare solo ragionamenti circolari, tipici di coloro che hanno pochissima dimestichezza con la logica. È probabilmente perché hai capito con chi avevi a che fare che hai abbandonato il thread, rendendoti conto che non avresti cavato un ragno dal buco. Ma loro non si sono neanche accorti del tuo disappunto e han pensato che voltando loro le spalle tu li volessi provocare.

Ti hanno propinato anche la fatwa di uno sceicco estremista salafita, Abd al-Aziz ibn Abd Allah ibn Baz, spacciandola per quella di uno dei piú grandi sapienti moderni. La fatwa è una sentenza pronunciata da un qaḍi o da un ‘alim, per cui è come se ti avessero detto che i cristiani, dal punto di vista islamico, sono miscredenti per decreto ed in questo caso specifico, per quello di un mufti wahhabita. Loro, fra l’altro, non usano la parola sapiente nell’accezione comune, ma solo come traduzione dell’arabo ‘alim, che sarebbe quello che noi comunemente chiamiamo mullah. Pensa che quell’uomo, ibn Baz, è morto nel 1999 e che, alle soglie del XXI secolo, credeva ancora che la Terra fosse piatta, perché cosí dice il Corano. Non sono sicuro che prima di tirar le cuoia sia stato convinto del fatto che il nostro pianeta è uno sferoide. Questo perché per un pio mussulmano quanto sta scritto nel Corano ha la precedenza su ciò che può essere esperito e verificato nel mondo reale. Prima di diventare Gran Mufti dell’Arabia Saudita, Abd al-Aziz ibn Abd Allah ibn Baz vendeva tappeti al mercato di Riyadh e ho seri dubbi che sia mai uscito dal suo paese o che abbia letto, finché ha potuto, qualcosa di diverso da quel cumulo di inutile letteratura-spazzatura islamica sulla quale si forma un sapiente wahhabita. In compenso credo siano state diffuse all’estero videoregistrazioni di propaganda islamica integralista in cui quello sceicco predica violenza contro cristiani ed ebrei perché costoro hanno rifiutato di riconoscere Muhammad come profeta. Se ti capita di vederle, lo riconoscerai perché è un cieco che ha il volto di uno che sembra indemoniato. A guardarlo, la prima domanda che io mi son fatto è stata “Ma come faranno a dar retta a questo infelice mostro disgraziato?”. E non mi riferivo all’aspetto, comunque sgradevole, dell’uomo, bensí alla sua bruttezza interiore, alla sua cattiveria e alla sua malvagità che si percepivano anche attraverso lo schermo.

Adesso puoi cominciare a farti un’idea di che razza di gente pia ti ha risposto sul motivo per cui i mussulmani considerino i cristiani miscredenti.

Justin.

[* Gia 2:19 Tu credi che Dio è uno. Fai bene, (ma) anche i demoni lo credono e tremano.]

Annunci