Figli di un dio minorato.

Il pezzo sull’opera dell’artista Hypnos ha scatenato una valanga di reazioni ostili alle mia opinione, for what it’s worth direi in inglese, a proposito di un quadro che ritengo essere molto brutto, anzi orrendo. Una crosta, insomma. Al fuoco che tutto divora di tale dipinto, intitolato Michael’s Gate, ho voluto accostare una delle numerose opere dello scimpanzè Congo, attivo fra gli anni ’50 e ’60 del XX secolo.

Dell’opera di Hypnos ho parlato solo ed esclusivamente perché sembrava invitare i suoi contemplatori a convertirsi all’islam e ciò a detta di un articolo comparso su Specchioquotidiano, articolo poi eliminato dal sito dalla testata, ma che io ho recuperato in rete. Alcuni lettori del mio pezzo mi hanno fatto pervenire le loro opinioni e talvolta non si sono limitati a difendere l’artista ed il suo lavoro, ma si sono prodigati in insulti di vario genere che alludevano sia alla mia scarsa intelligenza che alla vita sessuale di mia moglie. Come si sa, chi non ha argomenti, ricorre agli attacchi ad personam proprio perché non ha niente di sensato da dire. Tuttavia, nonostante tutto, ho pubblicato quanto mi è pervenuto e chiunque voglia se lo può leggere, dato che non ho voluto privare i pochi lettori di queste pagine del divertimento di cui ho goduto io e forse pure i miei numerosi disestimatori.

Fra queste persone facili al vituperio che, come nel titolo che ho dato a questo pezzo, chiamerei figli di un dio minorato, in ossequio ad un famoso e splendido film degli anni ’80 (di Randa Haines con William Hurt e Marlee Matlin), vi è l’autore o autrice di un blog aperto su questa stessa piattaforma. Costui o costei, sotto lo pseudonimo copromante  tramite l’unico articolo del proprio spazio nel world wide web ha voluto segnalare wrongdoers come «il blog dei più’ (sic!)  grossi pezzi di merda (sic!) della rete», aggiungendo altresí «Vi segnalò (sic!) questo blog che incita’  (sic!) all’odio tra religioni(sic!)».

Stando all’etimologia greca, la parola copromante indicherebbe chi trae auspici sul futuro dagli escrementi e non ci merviglia che l’autore o autrice di cotanto articolo si dedichi a tale occupazione con una dedizione tale da lasciar pochissimo tempo a costui o costei per ripassare le regole dell’ortografia e della grammatica italiane.

Non pago o paga di ciò, il Nostro o Nostra, che  definirei simpaticamente un sedicente sensitivo/a coprofilo/a, ha inoltre scritto che l’autore di wrongdoers altri non sarebbe che un noto omosessuale che non ricambiato da un giovane ragazzo marocchino sfoga contro l’Islam la sua frustrazione. Vorrei mettere subito in chiaro, e l’ho già detto, che cosí come io non ho alcunché a che fare con Gilberto Di Benedetto, in arte Hypnos, non sono neppure Aldo Busi, cioè uno dei piú grandi scrittori ed intellettuali italiani viventi. Io mi limito a vivere nel mio stoico, mesto e modesto anonimato e, a differenza del Signor Busi, come forse di tanti altri fra cui probabilmente copromante, non ho, ahimé, mai goduto né scritto di avventure o infatuazioni amorose con giovani magrebini, alle quali preferirei un’esistenza di serafica meditazione da monaco buddista in Tibet.

Copromante, oltre a dedicarsi alla divinazione per mezzo di feci, si sta spendendo molto anche per far chiudere questo blog, come si può evincere dal suo messaggio qui.

Da ultimo, per esperienza personale, vorrei aggiungere che certe persone, di certa estrazione culturale e di certa provenienza geografica sono solite insultare a vanvera riferendosi a feci, rapporti anali e prostituzione (contumelia che questa volta ci è stata stranamente risparmiata) in un italiano piuttosto stentato. Vorrei far anche notare che i pezzi di questo blog in cui si citano fonti islamiche con tanto di riferimenti e si propongono anche passaggi in arabo coranico per sostenere determinate tesi, sono rimasti a tuttoggi privi commenti che li contraddicano.

Annunci

Una risposta

  1. Al posto di Aldo Busi, avrei potuto menzionare lo sfortunato leader politico ed intellettuale olandese, Pim Fortuyn. Fu assassinato due giorni dopo un faccia a faccia televisivo con un imam mussulmano ed ammise di aver avuto relazioni sessuali con ragazzi mussulmani e marocchini.

I commenti sono chiusi.