Per i fan della shari’a e della legge del taglione.

La penetrazione dei portatori di cultura islamica in Europa si fa preoccupante. Nonostante molti mussulmani frequentino le nostre scuole, essi non assorbono i valori Occidentali fondamentali che stanno alla base della nostra società. Un semplice concetto come quello della sacralità della vita umana, non fa parte né del loro retaggio culturale né del loro credo e rimangono proterviamente attaccati alla loro cosiddetta religione, primitiva e feroce, che si fonda su principi diametralmente opposti a quelli occidentali. Incapaci di trarre lezioni dal passato, desolatamente refrattari a qualsiasi tipo di ragionamento logico (provate a discutere con loro e comincerete a farvi molte domande sul loro IQ), ostili ai popoli che li ospitano ed arroganti nella loro stessa ignoranza dell’islam che sostengono di professare, non mancano mai di snocciolare boli nauseabondi di saggezza islamica. La stessa che in antico ha fatto piazza pulita delle culture autoctone dei paesi da cui questi piccoli aspiranti mujahid provengono. Ecco che cosa scrive sul social network occidentale piú filoislamico che c’è (facebook, per chi non l’avesse capito) quella che potrebbe essere una magrebina di seconda generazione:

F****a Y**s · Università di Pisa
per quanto riguarda la legge del taglione è presente sia nel’ebraismo che nel cristianesimo e se nn viene applicata è un altro discorso!!! io nn sono contraria ne alla legge del taglione ne alla pena di morte…besta che venga utilizzata in casi estremi come è previsto nella religione islamica…nn credo nel carcere e nel suo potere…a mio parere è diventata una scuola di specializzazione si entra piccoli criminali e si esce criminali di fama mondiale ma voglio un po vedere se provi a rubare se sai che vai in contro a una punizione del genere….in oltre è proprio l’estremità della punizione che rende un reato meno o piu gravi agli occhi della società …


Tralasciando la sempre stupefacente, ma mai inaspettata, ignoranza dei mussulmani riguardo ai contenuti del cristianesimo, di seguito una degna risposta che illustra in breve che cos’è in realtà la legge del taglione e, con essa, che cosa sono tutte le leggi sacre di questo mondo e che razza di individuo è chi se ne fa fautore.

***

Abbiamo a che fare con dei sadici psicopatici che ci vogliono convincere della bontà dell’assassinio e della tortura come strumenti di giustizia. Lo fanno nascondendo la loro vera natura criminale dietro l’alibi della religione. È gente che vuole vedere il sangue e che si eccita solo con gli spettacoli truculenti. Questa gente è spazzatura umana. Anzi, neanche umana: subumana. Queste persone che ostentano la loro falsa devozione pseudoreligiosa e nascondono tutto il marciume verminoso che si portano dentro dietro la parola delirante del loro dio imbecille dovrebbero essere isolate e messe in condizione di nuocere solo a sé stesse e a chi è come loro.

hand-amputation

Diciamo due cose a proposito della legge del taglione. La legge del taglione non punisce tanto il crimine, quanto gli atti considerati impuri o peccaminosi. Non è stata scritta per tutelare gli uomini quali pari fra loro, ma per inquadrarli e soggiogarli, di modo che i veri reati non vengano puniti, ma che piuttosto se ne inventino di fittizi e si puniscano quelli per instillare la paura negli animi e creare un senso di falsa solidarietà fra succubi. Non è una legge degna di questo nome quella che punisce la coltivazione di due diversi tipi di ortaggi nello stesso campo, il consumo di crostacei, la pratica la magia, l’eresia, l’omosessualità e l’adulterio (di fatto solo quello della donna). La legge del taglione è stata pensata per privare gli esseri umani della capacità di decidere autonomamente anche nel privato del proprio campo, della propria casa e del proprio letto.

impiccagione

La legge del taglione non si applica al crimine, ma a ciò che viene ritenuto un’offesa alla divinità. Siccome l’idea di offendere un’entità soprannaturale onnipotente è una cosa palesemente assurda, in realtà la legge del taglione serve solamente a colpire i crimini ideologici: è una legge pensata per tutelare sé stessa, l’ideologia su cui si fonda (la religione) e la società di uomini perennemente schiavi che quest’ideologia crea. Questa è una delle ragioni per cui, ad esempio, l’islam non cambia mai. Con la cosiddetta primavera araba abbiamo assistito alle stesse nefandezze di cui i primi mussulmani si sono macchiati agli esordi dell’islam cosí come ci tramanda la stessa storia islamica. L’islam dimostra che la sua legge è stata escogitata per perpetuarlo all’infinito o almeno finché qualcuno non si deciderà a spazzarlo via dalla faccia del pianeta.

stoning

L’ultima cosa da dire sulla legge del taglione è che se fosse utile, a quest’ora le azioni che punisce sarebbero state già sdradicate da un pezzo. E invece non è cosí. Non solo i crimini ideologici, i cosiddetti reati immaginari, si commettono tuttora, ma anche i reati come il furto e l’omicidio persistono. Non credo esista prova piú evidente e convincente della totale inutilità della legge del taglione e, per chi ci crede, del fallimento dell’entità fantastica ed inetta da cui questa legge si vorrebbe far derivare ed in cui gli psicopatici religiosi credono.

Annunci